lunedì 2 gennaio 2017

Quanti abbracci!

In questi giorni ho incontrato parenti, amici/amiche ed allievi/e.
Ho constatato che «ogni relazione è unica» (Ed Tronick).
Perché? ogni persona è unica ed insostituibile!
La sua unicità è formata da tanti diversi elementi ma il primo e più importante è la conoscenza reciproca di come siamo in grado di stare insieme a prescindere dal contenuto degli errori che possono avvenire negli scambi… penso alle idealizzazioni, scorciatoie che creano relazioni fasulle, e producono danni. Ma questa è un'altra storia.
Alcune poi sono vere relazioni, altre sono semplici interazioni, in superficie, che non ci mettono in gioco. Anche questa è un'altra storia.
Le relazioni curano.


La storia condivisa, gli affetti e le emozioni sperimentati insieme danno spessore diverso alle relazioni.
Eppure anche in presenza di grande intensità a volte relazioni restano legate al passato e non evolvono. Altre, invece, che hanno viaggiato su binari paralleli per anni senza esser scese nella stessa "stazione", quando si ritrovano le anime si riconoscono, si apprezzano e gioioscono.
Per evolvere, per migliorare, occorre mettersi costantemente alla prova.
Una faticaccia! però funziona. A volte è una gioia, a volte è dolorosamente difficile.
Non cambiamo da soli e la reciproca influenza delle relazioni positive della nostra vita, sostiene la crescita e la trasformazione in quelle relazioni che per noi sono importanti.
Così la mia esperienza di insegnante e di terapeuta della voce mi sta trasformando grazie alle persone con cui sono in relazione. Che bello! vi sono così grata!
Siamo in trasformazione. Reciprocamente!
Il cambiamento non è solo un processo personale. Necessita di input e news, di novità e dell’interazione reciproca di tutte le nostre relazioni, per poterci permettere di diventare chi siamo veramente.
«Tanto più abbiamo esperienza di buone relazioni, tanto più impariamo, nel corso di tutta la nostra vita, nuove modalità relazionali e nuovi e diversi movimenti relazionali, che possono permetterci di avere una direzione più salutare nelle relazioni significative della nostra vita» (N. Cinotti).
Mi accorgo di cambiare.
Le relazioni cambiano con me.
L'elasticità e la condivisione in esse fanno sì che siano durevoli oppure ancorate al passato, fino a perdersi per il troppo divario tra come siamo davvero e come siamo percepiti.
Trasformando, cambia la nostra vibrazione, la lunghezza d'onda. Così si cambia la sintonizzazione ed alcuni ci capiscono ed altri no, e viceversa noi comprendiamo altri mentre altri ancora non so che cosa mi stanno dicendo... (cit. Andrea).
Alcune relazioni sono archivio storico di noi stessi ed è importante.
Altre sono le testimonianze dei nostri cambiamenti.
Mio marito è uno dei miei testimoni preferiti: Grazie Mauro!
angelica1212.oneminutesite.it

4 commenti:

  1. Che bella testimonianza, Angelica ...approvo ogni parola di quanto dici qui ora. Evviva !!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. carissimo Lorenzo che gioia, grazie moltissime! tu sei un grande, lo sai?!

      Elimina
  2. Siamo quello che mangiamo ma anche quello che viviamo e gli abbracci che diamo/riceviamo!
    Mi piace ;)

    RispondiElimina
  3. è così, sei un tesorino tu Noemi!

    RispondiElimina